Il Palazzo Ducale di Sassuolo

Il Palazzo Ducale che oggi ammiriamo risulta dalla trasformazione di un precedente castello medievale che, documentato poco prima dell’anno mille, fu dimora dei signori della Rosa e dei Pio prima di passare definitivamente agli Este nel 1599. Nel 1634 il Duca Francesco I d’Este affidò all’architetto romano Bartolomeo Avanzini i lavori di trasformazione dell’antica rocca in residenza estiva. Il risultato rappresentò una delle massime fonti d’ispirazione per il barocco emiliano.

Continua a leggere

I teatri di Sassuolo

Cenni storici

Fin dal XVI secolo, durante il governo dei Pio, è esistita a Sassuolo una vivace attività teatrale, ripresa e intensificata dai Duchi d’Este. Con Francesco I (1629-1658) si riprese infatti una tradizione di spettacoli e feste scenografiche tese alla glorificazione del potere. Particolare fortuna presso la corte estense ebbe il genere della favola pastorale, molto diffuso in tutta l’Europa del XVII sec.

Continua a leggere

Lo stadio Enzo Ricci e il calcio a Sassuolo

Il calcio a Sassuolo nacque ufficialmente nel 1922, quando venne fondata la squadra neroverde (allora in verità utilizzava gli stessi colori dello stemma comunale, ovvero il giallo e il rosso), inizialmente impegnata per molti anni nei vivaci tornei dilettantistici emiliani dove nacquero molte rivalità con le vicine compagini Carpi, Roteglia, Guastalla, Mirandolese e Baracca Lugo. I primi calci al pallone vennero tirati al campo che sorgeva in pieno centro nell’area oggi coperta da via Roma; dal 1925 fu invece utilizzato il campo sportivo in località La Pista, situato nel quartiere Borgo Venezia lungo le sponde del Secchia. Qui veniva svolta buona parte delle attività ludicosportive del tempo e del resto l’area accoglieva già una colonia elioterapica volta a fortificare la razza italica.

Continua a leggere